Lavoro quindi sono: perché le imprese assumono filosofi

Lavoro quindi sono: perché le imprese assumono filosofi

Le aziende si rivolgono a pensatori professionisti per aiutarli a riflettere e prendere decisioni difficili - ecco perché

The Gurdian, 29 marzo, 2018, di Louise Tickle e Claire Burke [traduzione mia]

A chi dovrebbe rivolgersi un'azienda in tempi di crisi? Potresti presumere un avvocato o un coach - ma che ne dici di un filosofo?

I dirigenti super impegnati della Silicon Valley e oltre stanno rivolgendosi ai servizi di "filosofi pratici" per aiutarli a prendere decisioni difficili.

"Questa è una generazione di filosofi pioneristici, filosofi imprenditoriali se volete”, dice il professor Lou Marinoff, che dal 2000 sostiene l’utilità della filosofia nel business e ha collaborato con organizzazioni come il World Economic Forum di Ginevra e Davos e la Comisión. Federal de Electricidad in Messico.

Lui non offre soluzioni; fa domande che aiutano il cliente ad acquisire nuove prospettive e intuizioni. Ci si concentra sul pensiero critico e sull'esame dei valori per esplorare ciò che è giusto ed equo.

"Queste sono persone molto intelligenti che sono anche oberate di lavoro, molto più della maggior parte di noi. E non hanno abbastanza tempo per riflettere. Molto di ciò che facciamo è creare uno spazio per la riflessione”, afferma Marinoff, professore di filosofia al City College di New York e autore di
Platone, Not Prozac! Applicare la saggezza eterna ai problemi quotidiani. Marinoff è anche presidente della American Philosophical Practitioners Association, che ha formato 400 filosofi per praticare questo tipo di servizio.

Nel Regno Unito, Joe Garner, amministratore delegato della società di costruzioni Nationwide, ex BT Openreach e HSBC, ha lavorato per diversi anni con il professor Roger Steare, filosofo presso la Cass Business School e autore del libro
Ethicability. Quando Garner ha parlato al gruppo di New City Agenda a Westminster lo scorso ottobre sul processo decisionale, ha insistito sul fatto che i valori - la coscienza sociale reciproca - devono essere parte del processo. "Riguarda la logica, riguarda la legge, ma riguarda anche l'amore".

Steare è stato anche consulente per grandi multinazionali, tra cui BP dopo la fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. Si può capire perché le grandi corporazioni - i cui fallimenti hanno creato devastazioni - potrebbero volersi interrogare sui loro principi.

Ma di quale utilità, in verità, è un filosofo - la cui attenzione è sull'etica - per un uomo d’affari o un imprenditore, il cui scopo principale è quello di realizzare un profitto?

"C'è un'assunzione che i profitti e la filosofia siano incompatibili", afferma Steare. "La tensione non è tra la filosofia e il profitto, ma tra la saggezza profonda e la massimizzazione del profitto a breve termine, anziché la creazione di valore sostenibile a lungo termine."

In settori come la tecnologia, in cui le imprese possono crescere a una velocità vertiginosa, è forse un modo di tenere in considerazione i leader: i loro principi fondativi stanno resistendo, o sono sottomessi a una corsa al profitto ad ogni costo? Un filosofo può "dirigere un'azienda verso l'innovazione che combini un buon fine e una reale opportunità di business", afferma Christian Vögtlin, professore associato di responsabilità sociale delle imprese presso la Audencia Business School in Francia. "Il pensiero filosofico può anche guidare la tecnologia [imprenditori] a definire i confini; questo può variare dalle questioni riguardanti i diritti alla privacy all’insegnare valori umanistici ai sistemi di intelligenza artificiale”, aggiunge.

Marinoff lavora con dirigenti senior, oltre che con i CEO. Ciò può assumere la forma di redigere la mission aziendale, implementare un codice etico in un'organizzazione o lavorare sulla responsabilità aziendale.

Ma perché una società dovrebbe scegliere un filosofo rispetto a un altro tipo di coach?

Un filosofo può spingere e interrogare, portare i leader in viaggi scomodi, persino essere una forza dirompente - e dovrebbero, suggerisce Andrew Taggart, che vive negli Stati Uniti e che è consulente per le organizzazioni della Silicon Valley su come utilizzare la filosofia in un contesto pratico.

"Fare filosofia come stile di vita è intrinsecamente stimolante e può, a volte, essere profondamente sconcertante", dice. "Ritengo che sia mia responsabilità spingerti a pensare in modo più profondo e molto più chiaro su te stesso sul mondo."

Nel mezzo delle pressioni del business, sei qualcuno che perseguirà la verità, anche se questo significa scoprire cose dolorose su di te? Una domanda difficile, soprattutto quando azionisti e HMRC stanno bussando alla porta per i per i tuoi rendiconti trimestrali.

Le esigenze della redditività finanziaria a breve termine, afferma Steare, sono uno dei problemi che devono affrontare i leader che desiderano essere etici, perché ciò che a lungo termine è utile alle persone e al pianeta di solito non è ciò che è necessario per ottenere un profitto nel breve termine.

Portare un filosofo a bordo non è per i deboli di cuore: l'applicazione pratica del pensiero filosofico, spiega Taggart, richiede che gli uomini d'affari si interroghino sul ruolo svolto dal loro prodotto o servizio nello schema globale delle cose, "non solo per vedere se qualcosa ha senso nel mercato, ma anche per vedere se la sua esistenza è effettivamente giustificata ".

I filosofi pratici tendono ad essere assunti come consulenti al momento, ed è ancora abbastanza di nicchia, ma Marinoff dice che gli piacerebbe vedere le aziende impiegare il proprio ‘chief philosophy officer’ interno, o ‘filosofo stabile’.

"Non siamo così costosi se comparati ad altri professionisti", ride. "Ci sono compositori stabili, poeti stabili e artisti stabili - perché non un filosofo stabile?”